Viking iMow MI 632 PC: connesso e veloce

Specialista di prodotti motorizzati per il giardinaggio e particolarmente noto per i suoi tosaerba (elettrici o termici), il produttore Viking offre da diversi anni anche diversi tosaerba robotizzati della sua gamma iMow. Tra questi, i modelli della serie MI 632 possono falciare superfici fino a 3.000 o 4.000 m², a seconda della versione. Robot di alta gamma, quindi, che hanno dimostrato un certo grado di efficienza durante i nostri test.

Presentazione
Abbiamo ricevuto i modelli di PC iMow MI 632 e MI 632 per i test, rispettivamente il più economico (2.549 € – prezzo di vendita consigliato, come tutti i prezzi menzionati qui di seguito, salvo diversa indicazione) e il più costoso (3.299 €) della serie MI 632. Il PC MI 632 si differenzia dall’MI 632 per la connettività (lettera “C”) e per la batteria di maggiore capacità (lettera “P”) che garantisce una migliore autonomia, quindi una maggiore superficie massima di falciatura: 4.000 m², rispetto ai 3.000 m² dell’MI 632. Tra i due, l’MI 632 C, la versione collegata dell’MI 632, ha un prezzo superiore di 300 € (2.849 €) e l’MI 632 P, la versione più autonoma, è venduta a 2.999 €. A parte questi punti, tutte e quattro le versioni si basano sulla stessa base tecnica, operano nello stesso modo e quindi godono delle stesse prestazioni di falciatura.

Attrezzature e installazione
Non sorprende che il PC iMow MI 632 PC segua i codici estetici del produttore, compreso un colore verde brillante che vi garantirà di non perdere di vista il tosaerba, ma non imprecate sul prato. Ci piace il design, ma apprezziamo soprattutto la buona qualità della produzione. La plastica sembra robusta e il montaggio è ben fatto. Tuttavia, ci aspettavamo lo stesso da una falciatrice top di gamma.

Non importa quanto sia avanzato, l’MI 632 deve essere installato e impostato per funzionare correttamente. È importante pensare attentamente ad un piano di installazione per creare zone, affrontare i vari ostacoli ed evitare eventuali blocchi o problemi di funzionamento – un approccio inerente a tutti i robot, ma che qui è ancora più importante se si dispone di un giardino leggermente complesso (multizona, corridoi, ostacoli, ecc.). In queste condizioni, l’uso di un installatore professionista può essere giudizioso se non ci si sente sicuri; questo passo non è certamente complesso, ma richiede un certo rigore e un attento seguito delle istruzioni quando non si è abituati ad installare un robot falciante. Infatti, non si può semplicemente impostare il filo perimetrale tutto intorno al prato: bisogna prima pensare a come funziona la falciatrice, che può gestire fino a 5 zone in totale.

Tuttavia, l’installazione non è molto diversa da quella di altri rasaerba robotizzati e si è guidati passo dopo passo dal robot in modo da non dimenticare alcun passo. Una volta predisposto il filo perimetrale (con picchetti per posizionarlo sul prato, o interrato con una macchina professionale), ad una buona distanza da ostacoli (37 cm da cespugli, 27 cm da muri e ostacoli alti, 50 cm in pendenza e 1 m da zone a rischio come stagni o piscine) e dalle eventuali aree create, è sufficiente indicare l’area da falciare perché il rasaerba possa calcolare un piano di falciatura adeguato, con fasce orarie di taglio più o meno lunghe, a seconda del numero di metri quadrati di prato. Naturalmente potete regolare voi stessi i tempi di falciatura, ad esempio per indicare che non volete che la falciatrice funzioni nei fine settimana, troppo presto la mattina o troppo tardi la sera.

L’MI 632 gestisce le aree laterali, che sono separate dall’area di falciatura principale, a condizione che venga utilizzato lo stesso filo perimetrale, che può poi essere fatto passare attraverso uno scivolo, ad esempio. Poi basta spostare la falciatrice nella zona da falciare regolarmente e farà il suo lavoro fino a quando la batteria non si esaurisce. Tuttavia, se le aree adiacenti sono troppo grandi, allora è meglio acquistare un’altra docking station (ADO 600, 378 euro, prezzo massimo di vendita consigliato dal produttore). Idealmente, tra le zone dovrebbe essere lasciato un corridoio di almeno 108 cm di larghezza, in modo che il robot possa muoversi liberamente e tornare alla sua base per ricaricarsi.

Ergonomia e utilizzo
Una volta completata l’installazione, la falciatrice funziona di solito in modo completamente indipendente. Tuttavia, sono disponibili diverse opzioni di configurazione per iniziare la falciatura manualmente in momenti specifici o per ottimizzare i risultati di falciatura (falciatura dei bordi, impostazione della distanza dal filo quando si cammina lungo il perimetro, ecc.) I menu sono ben progettati, con un’interfaccia di facile comprensione e di facile utilizzo visualizzata su uno schermo LCD monocromatico piuttosto luminoso.

Tuttavia, Viking offre un’applicazione per smartphone e tablet (iOS e Android), dando accesso alle funzioni essenziali del robot, senza consentire una configurazione completa – l’accesso al calendario di falciatura sarebbe stato molto utile. La connettività è molto pratica, in quanto funziona tramite la rete mobile (collegamento GPRS) e consente quindi il controllo della falciatrice anche quando si esce di casa~~~, ma ci dispiace che sia inclusa solo per 3 anni dalla prima attivazione della funzione. Il produttore ci ha detto che, contrariamente alle istruzioni del manuale, la connettività è ora inclusa a vita, sia per i clienti nuovi che per quelli esistenti.

Per quanto riguarda l’inquinamento acustico, l’MI 632 non è troppo rumoroso, nonostante l’uso di una lama monoblocco. La rotazione delle lame e il taglio sono ancora più udibili rispetto ai sistemi di taglio basati su lame pivottanti (Husqvarna, Bosch, Honda…), ma sono lontani dal rumore generato dalle falciatrici Robomow, per esempio. Il produttore annuncia un livello di rumore massimo di 62 dB, e abbiamo misurato un livello di rumore non superiore a 60 dB ad una distanza di 1 m – che diminuisce rapidamente con la distanza. Pertanto, anche se non è consigliabile farlo funzionare di notte o la domenica, i vicini non devono essere disturbati eccessivamente; la falciatrice diventa difficilmente udibile oltre i 10 metri di distanza.

Efficienza e qualità di falciatura
Come la maggior parte delle sue controparti, l’MI 632 viaggia in modo casuale attraverso il prato, cambiando direzione quando incontra un ostacolo o arriva al bordo del campo. Il robot è quindi “cieco”, ma questo non gli impedisce di falciare l’intero prato; semplicemente ci vuole più tempo di un modello in grado di mappare accuratamente il terreno (Bosch Indego, ad esempio). Il vantaggio, tuttavia, è che i segni sul prato (passaruote, strisce falcianti, ecc.) sono meno visibili. Nel caso dell’MI 632, invece, l’efficienza di falciatura dipende soprattutto dalla cura prestata alla configurazione al momento dell’installazione, in assenza di una regolazione automatica della frequenza di falciatura e del rilevamento delle aree già falciate. Spetta quindi all’utente ottimizzare le proprie impostazioni in funzione dei risultati ottenuti e della stagione (meno sfalci in estate che in primavera).

Viking indica che i suoi rasaerba 632 P e 632 PC possono falciare un’area di 100 m² in 60 minuti (contro i 70 minuti del 632 e 632 C), ma in pratica ci vuole molto più tempo per coprire effettivamente un intero prato, a causa della necessità di spostamenti casuali. Nella nostra piccola area di prova di 250 m², 3 cicli sono sufficienti a garantire che nessuna superficie venga trascurata, il che non sorprende per una falciatrice in grado di falciare fino a 4.000 m². Con la sua autonomia di oltre 2 ore per ciclo (fino a 2,5 ore se la falciatrice non necessita di molta forza), la sua velocità di marcia relativamente elevata e la sua larghezza di taglio di 28 cm, il PC MI 632 è infatti in grado di falciare grandi prati, motivo per cui lo abbiamo installato su un sito di 1.200 m², alberato e multizona. I risultati di falciatura si sono dimostrati abbastanza soddisfacenti utilizzando il piano di falciatura calcolato automaticamente dalla falciatrice durante l’installazione.

Siamo rimasti impressionati dalla facilità di movimento della falciatrice in passaggi stretti. Laddove diversi robot passano un certo tempo a trovare la loro strada, l’MI 632 riesce ad analizzare il segnale dal cavo perimetrale con sufficiente precisione per passare senza fermarsi. D’altra parte, attenzione al terreno accidentato: l’abbiamo trovato più volte bloccato a causa di una fessura nel prato (tane, cunicoli per animali…). Basta ripulirlo e tappare il buco, ma non possiamo dire che questo modello sia davvero tutto terreno. La Honda Miimo e la Husqvarna Automower sembrano un po’ meno sensibili ai terreni difficili. Va notato, tuttavia, che il costruttore ha aggiunto una nuova modalità chiamata ASM sulle ultime versioni dell’MI 632 (dall’estate 2017), attiva di default, che consentirebbe al tosaerba di tentare una manovra di rilascio automatico in caso di blocco. Purtroppo non saremo in grado di testarne l’efficienza prima di ricevere il prossimo robot nel 2018.

Su grandi superfici, un rasaerba robot deve lavorare ogni giorno perché si basa sul principio della pacciamatura: non raccoglie l’erba, ma la taglia molto finemente, il che arricchisce naturalmente il prato. Come tale, il piatto di falciatura dell’MI 632 si adatta bene a questo tipo di falciatura e produce un pacciame abbastanza fine. Anche il taglio è molto pulito.

 

PRO

Veloce ed efficiente.
Buoni risultati di falciatura.
Interfaccia completa e di facile utilizzo con telecomando cablato per l’impostazione senza piegarsi.
Falciatrice collegata via GPRS con protezione antifurto via GPS / non è necessario essere vicino alla falciatrice per utilizzare l’applicazione.
Batteria facilmente sostituibile.

CONTRO

Nessuna mappatura del terreno o gestione delle aree fini (regolazioni totalmente manuali).
Applicazione limitata nelle funzionalità (nessuna programmazione dettagliata…).
Sarebbe gradito un telecomando senza fili (configurazione da casa, falciatura manuale senza fili).
Nessun riparo fornito con la falciatrice (opzione).
CONCLUSIONE

Veloce, efficiente e relativamente discreto, il PC MI 632 produce buoni risultati di falciatura. Con la sua interfaccia user-friendly, la bassa manutenzione e l’applicazione collegata, il PC MI 632 ha bisogno solo di alcune caratteristiche aggiuntive per semplificare le impostazioni durante l’installazione e per regolare le frequenze di falciatura. Un modello che richiama molto i colleghi Robomow RC312, Robomow City MC400 e Gardena R40Li.

IKOHS CUTBOT - Rasaerba robotizzato...
  • Robot tosaerba CUTBOT di IKOHS, pensato e progettato per prendersi cura del...
  • Delimita le zone di lavoro in maniera semplice e CUTBOT le lavorerà come...
  • Parametri di sicurezza multipli che aumentano l'efficienza del lavoro...
  • Veloce, potente, efficace. Con una batteria al litio che permette di...
  • Silenzioso, grazie al SubNoise System è possibile programmarlo per...